Crisi Burgo di Verzuolo, Davico: il ministro Calenda accompagni le parti per una soluzione positiva o dichiari la crisi del settore”

 

Alla luce della chiusura della line ottava della “Burgo Group” di Verzuolo di inizo ottobre e, tenendo conto delle esigenze emerse dal consiglio comunale aperto dello scorso 23 ottobre il Senatore Michelino Davico ha presentato ieri, 24 ottobre, un’interrogazione urgente al ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda.

«Si chiede al Ministro – scrive nell’Interrogazione Davico – se non intenda accompagnare il progetto che emergerà dal “tavolo regionale di crisi” e istituire un navolo nazionale con azienda e rappresentanze sindacali al fine di arrivare alla dichiarazione di uno stato di “crisi del settore”».

Il senatore cuneese ha inoltre incalzato il governo chiedendo di sapere se verranno promosse “azioni volte ad elaborare un piano d’intervento volto ad escludere i licenziamenti e a prevedere degli adeguati ammortizzatori sociali per ognuno dei lavoratori coinvolti”.

«Miriamo a vedere salvati tutti i posti di lavoro ma il governo in ogni caso dovrà garantire il futuro dei lavoratori della storica cartiera nel caso in cui non si riescano a scongiurare le soluzioni prospettate dall’azienda. Si tratta di centinaia di famiglie che hanno bisogno di sapere che non sono abbandonate al loro destino» ha concluso Davico.

Lascia un commento